IT

Come ottimizzare le performance di un e-commerce per il Black Friday

5 consigli per evitare che i problemi tecnici possano vanificare i risultati delle migliori strategie di marketing.

Manca poco al Black Friday e le aspettative aumentano di giorno in giorno: alcuni store hanno già iniziato a proporre offerte, altri invece stanno puntando sulla brand awareness generando attesa per gli sconti. Gli utenti hanno iniziato già ad ottobre ad informarsi sull’argomento, come rileva anche l’andamento del topic in Google Trends.

 

Di che numeri stiamo parlando? 

Secondo le stime del Codacons, che ha pubblicato uno studio sulla propensione d’acquisto dei consumatori in occasione del Black Friday 2018, l’evento genererà un giro d’affari superiore a 1,6 miliardi di euro, di cui circa 1 miliardo attraverso l’e-commerce.

Se le previsioni saranno confermate, avremmo raggiunto un +10% di giro d’affari rispetto allo scorso anno e un +7% di acquirenti coinvolti, numeri veramente importanti e costantemente in crescita.

Sicuramente anche quest’anno sarà un’ottima occasione per osservare la varietà di strategie messe in pratica dai brand per convincere i clienti pronti all’acquisto, ma ciò che vogliamo proporre in questo articolo è come affrontare dal punto di vista tecnico il Black Friday, quali possono essere le analisi e le strategie da pianificare per ottimizzare le performance di un e-commerce per questo evento.

Ecco 5 best practice, basate sull’esperienza ventennale di Webformat in questo campo, che consigliamo di seguire per evitare che problemi tecnici possano vanificare i risultati delle migliori strategie di marketing.

1. Test di carico

Immaginiamo che le campagne e le strategie di acquisizione messe in pratica dal tuo brand per il Black Friday stiano andando alla grande e che sul tuo e-commerce arrivino più utenti di quelli che avevi stimato. Adesso immaginiamo che questi utenti siano talmente tanti che l’infrastruttura del sito non sia in grado di sostenerli e che il sito crolli, diventando irraggiungibile.

In un’occasione come il Black Friday in cui la concorrenza è alle stelle, non si può rischiare di non poter vendere quando l’utente è pronto a comprare, non ci sarà una seconda possibilità. Previeni il problema e nei giorni precedenti, insieme al tuo partner tecnologico, preoccupati di verificare la portata massima di utenti che la tua infrastruttura può sostenere e stima un pubblico almeno il 10-20% maggiore rispetto a quello che è stato previsto nel piano di marketing. 

2. Assicurarsi che il sito offra un’ottima navigazione da mobile

Secondo la Global Commerce Review di Criteo, per il secondo trimestre 2018 in Italia il 41% delle transazione online avviene su mobile. Questo significa che il mobile è cresciuto di oltre il 20% rispetto al 2017 ed è sempre più fondamentale offrire all’utente un’esperienza mobile usabile e veloce. 

Per ottimizzare le performance del tuo e-commerce è molto importante che i percorsi di navigazione e le funzioni di ricerca siano facilmente accessibili da mobile, che le pagine prodotto siano mobile friendly, prevedendo la possibilità di zoom sulle immagini e di visualizzare in modo completo descrizioni del prodotto e opzioni di personalizzazione. 

Anche il checkout deve essere progettato o rivisto per agevolare l’acquisto da mobile sia per la compilazione dei form, che per il controllo dell’ordine prima della conferma. 

Spesso questo aspetto viene trascurato: ci sono moltissimi e-commerce che ancora oggi hanno checkout costruiti ottimamente per desktop ma che da mobile rendono l’acquisto quasi impossibile.

3. Test di velocità del sito e del checkout

Focalizzandoci ancora sulla serrata concorrenza, la caccia all’offerta di queste giornate frenetiche e  sull’aumento generalizzato del traffico e degli acquisti da mobile, la velocità del tuo e-commerce è un altro aspetto da ottimizzare con cura.

È possibile che l’utente fidelizzato abbia pazienza di aspettare se c’è qualche problema tecnico, ma per ottimizzare le performance del tuo e-commerce per il Black Friday è assolutamente necessario assicurare che l’utente medio possa trovare ed acquistare velocemente quello che cerca.

Non aspetterà 5-10 secondi perché si carichi una pagina o vengano validati i dati inseriti nel checkout, si annoierà presto e si ricorderà di aver ricevuto un’offerta per lo stesso prodotto anche nella newsletter di un competitor, così andrà ad acquistare proprio su quel sito. 

4. Attenzione ai protocolli di sicurezza

Un altro aspetto di notevole importanza consiste nel rassicurare l’utente sulla protezione garantita dal sito

Appare scontato che ogni e-commerce utilizzi un protocollo https e opportuni sistemi crittografici, oltre ad aver applicato tutte le patch di sicurezza, per garantire un trattamento responsabile dei dati degli utenti e dei sistemi di pagamento. Ci sono tuttavia delle leggerezze che fanno in modo che all’utente vengano segnalati alert relativi alla sicurezza, mettendo in dubbio la sua percezione di trovarsi su un sito sicuro. 

Un esempio immediato è la situazione in cui all’interno di una pagina https sia presente per errore una chiamata verso un indirizzo http, in questo caso Google Chrome mostra all’utente un messaggio di alert sicurezza, facile immaginare che l’utente medio difficilmente inserirà dati di pagamento su questo sito. 

5. Non effettuare operazioni che possano appesantire il sito

Per ottimizzare le performance del tuo e-commerce nel periodo del Black Friday evita ogni operazione di aggiornamento non necessaria o urgente, programma con anticipo aggiornamenti di contenuti e di catalogo, attività di manutenzione e modifiche ai server. 

Fai in modo che tutte le risorse di cui dispone il sito siano al servizio del front-end per consentire l’ottimizzazione delle performance e dell’esperienza utente.

In fondo, nel retail tradizionale, chi si metterebbe a modificare la vetrina del proprio negozio, con il negozio pieno e la gente in coda per pagare alla cassa? 

Prova a mettere in pratica questi accorgimenti per ottenere il massimo dal Black Friday e non dimenticare di monitorare in tempo reale il traffico e le performance del tuo website per riuscire prevenire o risolvere prontamente eventuali imprevisti.